Non poteva che chiamarsi Born to Run il titolo dell’autobiografia di Bruce Springsteen, ripreso dall’album che nel 1975 lo consacrò song-writer più importante d’America. Il libro, già in preordine, uscirà in tutto il mondo il prossimo 27 settembre, edito in Italia da Mondadori.

GLI ESORDI E LE ISPIRAZIONI

Il primo annuncio è avvenuto lo scorso 29 luglio sul sito della Mondadori: “Bruce Springsteen ha lavorato alla sua autobiografia nel corso degli ultimi sette anni, iniziando nel 2009, dopo lo show con la E Street Band durante il Super Bowl. In Born to Run Springsteen ci racconta la sua infanzia a Freehold, nel New Jersey, un luogo pieno di poesia ma anche di potenziali rischi, destinato ad alimentare la sua immaginazione, fino al momento che Bruce chiama ‘Big Bang’: il debutto di Elvis Presley all’Ed Sullivan Show. Descrive il suo desiderio incontenibile di diventare un musicista, gli esordi come re delle ‘bar band’ ad Asbury Park e la nascita della E Street Band. Con candore disarmante, per la prima volta Bruce illustra i tormenti interiori che hanno ispirato i suoi capolavori, a cominciare proprio da Born to Run, un brano che qui si rivela più complesso di quanto immaginassimo”.

ADATTO A CHIUNQUE

“È una lettura illuminante per chiunque ami Bruce Springsteen, ma è molto più del memoir di una rockstar leggendaria: è un libro per spiriti pratici e inguaribili sognatori, per genitori e figli, per innamorati e cuori solitari, per artisti, fricchettoni e chiunque voglia essere battezzato nel sacro fiume del rock – diceva anche il comunicato -. È raro che un artista racconti la propria storia in maniera così intensa e dettagliata. Come in tante delle sue canzoni (Thunder Road, Badlands, Darkness on the Edge of Town, The River, Born in the USA, The Rising e The Ghost of Tom Joad, per citarne solo alcune), nell’autobiografia di Bruce Springsteen troviamo l’ispirazione di un autore unico e la saggezza di un uomo che ha riflettuto a fondo sulle proprie esperienze”.

LA PREFAZIONE

Il 16 agosto la prefazione integrale pubblicata sul sito di Springsteen: “La città da cui vengo è piena di piccoli impostori, e io non faccio eccezione. A vent’anni non ero un ribelle che sgommava con le auto da corsa, ma un chitarrista per le strade di Asbury Park, già membro a pieno titolo di quella categoria di personaggi che “mentono” al servizio della verità… gli artisti con la “a” minuscola. Avevo però quattro assi nella manica: la gioventù, quasi dieci anni di dura gavetta sui palchi dei bar, un valido gruppo di musicisti locali ben sintonizzati con il mio stile e una storia da raccontare”. Il testo completo è consultabile, tradotto in italiano, pure sul sito di Mondadori Libri. Born to Run sarà pubblicato, oltre alla versione tradizionale, come ebook e audiobook. Data di uscita che avverrà quattro giorni dopo il 67esimo compleanno di Springsteen, celebrato dal nuovo disco “Chapter and Verse”, in parte composto da inediti.