Brad Pitt, che ha recentemente incuriosito l’opinione pubblica grazie alle dichiarazioni rilasciate a proposito di un ipotetico ritiro dalle scene tra soli tre anni, è in realtà stato ospite della trasmissione televisiva australiana “sessanta minuti” per presentare l’ultimo film interpretato “Moneyball – l’arte di vincere”.

La pellicola, prodotta da Micheal De Luca in collaborazione con Scott Rudin e Speciality Film, sarà distribuita nelle sale da Warner Bross e Picture Italia.

Diretto dalla maestria del regista Bennet Miller, il bell’attore dalla chioma dorata vestirà i panni del presidente di una squadra di baseball, naturalmente americana, che si dovrà ingegnare per riportare a galla e poi alla vittoria la formazione sportiva che dirige.

Il personaggio di Billy Beane dalle anticipazioni del film non viene tratteggiato in maniera particolarmente negativa, ad esempio come un avido e gretto calcolatore che tenta di lucrare sulla passione portata avanti dai propri giocatori, tutt’altro.

Innanzi tutto, nonostante Pitt sia prossimo al mezzo secolo di età, continua ad apparire fisicamente molto giovane, e già questo aspetto non potrebbe mai convincere lo spettatore, di trovarsi di fronte ad un protagonista particolarmente vile o troppo legato al denaro.

Billy Beane, infatti, sarà l’eroe capace di trainare la propria squadra, insieme alla sua fede sportiva, dalla condizione di squalifica agli allori della gloria riservata ai campioni, servendosi delle scienze statistiche.

Troverà in un neo laureato il supporto per comporre la formazione vincente, mediante raffinati calcoli statistici.