Brad Pitt e Angelina Jolie insieme sul piccolo schermo per un’intervista esclusiva. I due attori hanno partecipato al programma americano Today, trasmesso dalla rete Nbc. L’occasione era la presentazione della loro nuova pellicola By the Sea, ma le loro dichiarazioni più interessanti hanno riguardato gli interventi chirurgici a cui lei si è sottoposta.

By the Sea vedrà Brad Pitt e Angelina Jolie uno a fianco dell’altra sul grande schermo per la seconda volta, dopo il successo di Mr. & Mrs. Smith. Il film rappresenta inoltre la quarta prova dietro la macchina da presa per la Jolie, dopo il documentario A Place in Time e le pellicole Nella terra del sangue e del miele e Unbroken, il primo però nella duplice veste di regista e interprete.

Più che della pellicola, che uscirà nei cinema italiani il prossimo 12 novembre, nel corso dell’intervista i due hanno però parlato di questioni personali. Brad Pitt ha voluto difendere la scelta di Angelina Jolie di sottoporrsi alla rimozione delle ovaie e delle tube di Falloppio, oltre che a una doppia mastectomia, per poter prevenire il cancro: “Non c’è stata vanità nella decisione di mia moglie. È stata una scelta matura. È stata una di quelle cose nella vita che ti uniscono di più: lei lo ha fatto per i bambini, per la nostra famiglia, per stare di più con noi. Questa è la nostra vita e dobbiamo prenderne il meglio”.

Angelina Jolie ha spiegato la sua scelta di rimuovere le ovaie dichiarando: “Conoscevo l’opinione di Brad, quello che avrebbe voluto, quella che è la sua idea di donna: qualcuno in gamba. Sapevo che mi sarebbe rimasto accanto e che non mi sarei sentita meno donna, perché lui non lo avrebbe permesso. […] Il medico che mi ha operata alle ovaie è lo stesso dottore di mia mamma. Pare che lei le abbia detto: ‘Promettimi che toglierai le ovaie ad Angie’. Quindi quando ci siamo incontrate, siamo scoppiate in lacrime entrambe e lei mi ha detto: ‘L’ho promesso a tua madre e devo farlo’”.

Riguardo al film By the Sea, Angelina Jolie ha invece dichiarato: “È una storia di un’attrazione fatale che a un certo punto deve vedersela con la colpa, la tenacia dell’amore e la voglia di guarigione e accettazione”.