Pesce, Latta, Scarpa, Scossa, Dolci e Uovo sono i protagonisti di Boxtrolls – Le scatole Magiche, la storia di una famiglia composta da simpatiche e buffe creature che abitano nei sotterranei di Pontecacio dove vivono una vita felice ed armoniosa, lontano dalla società e dai residenti snob della cittadina di epoca vittoriana ossessionati dalla ricchezza, dalla classe sociale, e dal benessere… Ma soprattutto dai formaggi puzzolenti!

Lord Gorgon-Zole (Jared Harris di Mad Men), il sindaco de facto, detta legge circondato dai suoi uomini snob e d’élite delle Tube Bianche. Come tutti gli altri, crede alle leggende spaventose sui Boxtrolls, divulgate in lungo e in largo per oltre un decennio dal malvagio Archibald Arraffa (l’attore premio Oscar Ben Kingsley). Determinato ad ottenere il consenso delle Tube Bianche, Arraffa ha imprigionato il geniale inventore ed amico dei Boxtrolls Herbert Trubshaw (Simon Pegg di Star Trek), ed ha reclutato una banda nota come ‘Tube Rosse’ per catturare tutti i Boxtrolls. Delle Tube Rosse fanno parte l’implacabile Mr. Nervetto (Tracy Morgan di 30 Rock), il goffo Mr. Pasticcio (Richard Ayoade di The IT Crowd), e l’impassibile Mr. Trota(Nick Frost di The World’s End).

E’ in arrivo il prossimo 2 ottobre nelle nostre sale italiane questo piccolo grande capolavoro d’animazione in stop-motion che conquisterà grandi e piccini, basato sul romanzo illustrato Arrivano i mostri! (Here Be Monsters!) di Alan Snow e prodotto da LAIKA (Coraline e la Porta Magica 2009, ParaNorman 2012) ed Universal Pictures (guardate qui il trailer italiano).

79 scene, oltre 20.000 oggetti di scena realizzati a mano, 56 telecamere e 892 luci, tra cui 68 dispositivi fluorescenti, 190 marionette costruite, 200 costumi cuciti artigianalmente, centinaia di migliaia di espressioni facciali concepite per ciascun protagonista, 55 differenti forme di formaggi come oggetti di scena, 24 diversi tipi di piante prodotte da green artist, sono solo alcuni dei numeri di Boxtrolls.

Come commenta l’animatore e produttore Travis Knight, “l’animazione è un mezzo visivo potente, vincolato soltanto dalla fantasia dei suoi praticanti. Andiamo avanti per nuove vie creative incorporando tutte le forme di animazione nella nostra metodologia… La forma d’arte della stop-motion unisce molti elementi artisticamente meravigliosi: l’illustrazione, la pittura, la fotografia, l’illuminazione, la scultura e la musica”, e in Boxtrolls tutto ciò prende vita meravigliosamente.

Publiredazionale