Sarà Carmine MartirePresidente di un’azienda diventata in pochissimo tempo leader nella produzione di cioccolato e barrette ai cereali, il protagonista della seconda puntata di Boss in incognito, il programma di Rai2 condotto da Costantino della Gherardesca, in onda domani lunedì 29 dicembre alle 21.10 su Rai2.

Appena un anno fa, tre fratelli della famiglia Martire, possessori di un profondo know-how basato da oltre trent’anni di esperienze nel settore dolciario-alimentare, incuranti dell’attuale crisi economica, hanno rilevato e riavviato delle precedenti attività industriali in gravi difficoltà, investendo e creando una nuova azienda. E lo hanno fatto coraggiosamente annettendo all’iniziativa anche alcuni ex-dipendenti, con grande spirito imprenditoriale e una non comune determinazione. La loro azienda, malgrado sia relativamente giovane, stupisce per i numeri: in un anno lavora oltre 1.200 tonnellate di cioccolato e produce 70 milioni di barrette (circa 400 kg all’ora). Pur destinando il 30% dei propri prodotti all’estero (è presente in oltre 20 paesi del mondo), serve 10.000 supermercati in tutta Italia e ha un fatturato annuo di 15 milioni di euro.

Mission dell’azienda (che ha il suo Centro Direzionale e logistico alle porte di Roma, mentre la sede produttiva sorge tra le colline dell’Irpinia, a Frigento), è quella di porre al centro di qualsiasi obiettivo la Persona attraverso una costante formazione e il coinvolgimento responsabile di tutto il personale.

Proprio questo è il motivo che ha spinto il boss Carmine Martire a vivere per una settimana “sotto copertura”, a stretto contatto con chi lavora nelle sue linee produttive. Durante questa settimana di lavoro in prima linea, Carmine si troverà alle prese con la catena di produzione delle barrette di cereali e quella delle uova pasquali, con la promozione nei supermercati, con lo stoccaggio e il trasporto. Farà un esperienza che gli consentirà di osservare sul campo criticità e difficoltà, in modo da trovare ancora possibilità per migliorare e ottimizzare la sua azienda e la qualità del lavoro dei dipendenti.

Photocredit: Facebook Fan Page Boss in Incognito