Il reggae, originario della Giamaica, è uno dei generi musicali più in voga in Italia fin dagli anni ’80 e uno dei gruppi musicali che maggiormente rappresentano questo movimento nel nostro Paese sono i Boom Da Bash, nati nel 2002 come classico jamaican sound system. Il gruppo, fondato da Blazon, attuale deejay e produttore del quartetto, è composto dai due cantanti Biggie Bash,Payà e dal beatmaker abruzzese Mr. Ketra. Dopo aver percorso un sentiero di evoluzione artistica, sfociato nella realizzazione del loro primo lavoro ufficiale del 2008, “UNO“, i Boom Da Bash, il cui nome significa “esplodi il colpo”, si sono confermati essere una delle band italiane di maggior successo, capace di coniugare il ritmo giamaicano con le loro origini, saldamente presenti nei loro testi grazie all’utilizzo del dialetto salentino (leggete qui la nostra intervista esclusiva a Beppe Carletti dei Nomadi).

Dopo aver vinto gli MTV New Generation con la hit track “Murder“, i Boom Da Bash iniziano un viaggio lungo due anni con il tour “Made in Italy”, grazie al quale realizzano oltre 100 date, per poi essere scelti insieme ad alcuni big della musica italiana come i Subsonica e i Negrita per rappresentare l’Italia in un tour che tocca gli Stati Uniti, in particolare New York e Miami (leggete qui la nostra intervista esclusiva a Piero Pelù). Sono tanti dunque i successi che i Boom Da Bash hanno collezionato negli ultimi anni, tra cui anche il “Superheroes Tour” con il quale hanno registrato numerosi sold out in tutto il Paese. Nell’ultimo mese la band salentina è tornata con un nuovo singolo, “L’importante“, un remake di “Amore al terzo piano” degli Otto Ohm. Noi di Leonardo.it li abbiamo incontrati al party Tuborg di Milano, dove i Boom Da Bash, guest star della serata, ci hanno raccontato le loro origini e parlato della loro passione per il reggae.

Ecco l’intervista esclusiva di Leonardo.it ai Boom da Bash.

E’ stato interessante affrontare insieme ai Boom Da Bash la questione del reggae in Italia e chi meglio di loro potrebbe darci una visione di come questo genere musicale viene percepito nel nostro Paese e come si sta evolvendo. Secondo la band, infatti, “la situazione è un po’ complicata. Dal punto di vista discografico al reggae non viene attribuita molta mediaticità, ma è un limite dell’Italia. Nonostante questo, però, la musica reggae ha 20 anni di storia ed è tutt’ora uno dei capitoli più interessanti della musica italiana, grazie ai Sud Sound System e Africa Unite, musicisti che per noi sono di altissimo livello e meritano stima e rispetto” (leggete qui la nostra intervista a Cixi).

Una delle caratteristiche peculiari dei Boom Da Bash è la scelta di utilizzare il dialetto salentino nei loro brani e loro commentano così la scelta stilistica e linguistica a cui sono particolarmente affezionati: “Il salentino è una possibilità di non perdere l’originalità che è davvero importante. Il messaggio e il ritmo sono fondamentali. Se tu, prima di tutto, non ti poni per quello che sei, allora non puoi trasmettere nessun messaggio a chi ti sta ascoltando. E in molte delle nostre date in giro per l’Italia ci è capitato di trovare ragazzi che pur non parlando il nostro dialetto si sono complimentati con noi per la musicalità e la tradizione del salentino”.

Ed ecco il video de “L’importante”, attualmente nella top 20 della Music Charts GFK/PMI indipendenti.

In partenza con il #mammalacapu summer tour 2014, i Boom Da Bash si stanno preparando con un nuovo entusiasmante appuntamento che toccherà diverse città italiane. Questo il calendario delle prossime date: il 28 giugno al Roma Vintage a Roma; Il 3 luglio a Carovigno (Brindisi); il 4 luglio a Perugia; il 12 luglio al Parco Gondar di Gallipoli (Lecce); il 4 agosto alla Sagra dellu purpu di Melendugno (Lecce); il 9 agosto a Nebrodi Art Fest di Castell’Umberto (Messina); l’11 agosto a Gallipoli (Lecce); il 13 agosto al Mamanera Reggae Boom Beach a San Foca (Lecce); il 17 agosto a Castro (Lecce); il 30 agosto al Magnolia di Milano; il 6 settembre all’Aeclanum Beer Fest di Mirabella Eclano (Avellino).