Il Blue Whale è uno dei fenomeni web che più hanno sconvolto l’opinione pubblica ma Matteo Viviani confessa i video delle iene erano falsi anche se hanno fatto si che il servizio imprimesse uno choc tale alla popolazione che si è accorta di questo sconvolgente fenomeno. Blue Whale è un gioco virale e mortale nato in russia che spinge i giovanissimi ad affrontare una serie di prove tutte documentate da video da inviare nei social fino ad arrivare al suicidio.

Questa sfida alla vita è stata raccontata a Le Iene da Matteo Viviani, tra i primi a farlo, attraverso una serie di videointerviste a mamme russe che avevano perso i propri figli. Il servizio ha scoperchiato un vaso di Pandora inimmaginabile e così si è scoperto che il fenomeno è presente anche in Italia. La iena Matteo Viviani ora, intervistato da Selvaggia Lucarelli per Il Fatto Quotidiano, confessa che i video del servizio erano falsi: “Me li ha girati una tv russa su una chiavetta e ammetto la leggerezza nel non aver fatto tutte le verifiche, ma erano comunque esplicativi di quello di cui parlava il servizio”. 

Nei social network già da qualche giorno giravano video che mettevano in dubbio la veridicità del servizio di Matteo Viviani a Le Iene e alcuni lo accusano anche di aver innescato un meccanismo di emulazione pericoloso per molti giovanissimi italiani, la iena si difende:  “Ieri sono andato in una classe e ho chiesto quanti conoscessero il Blue Whale prima del mio servizio. La metà degli alunni ha alzato la mano. Noi adulti ignoriamo parte del web, specie quella popolata dai giovanissimi. La polizia ha salvato una ragazzina che era quasi al cinquantesimo (e ultimo) giorno del gioco, quindi aveva iniziato prima della puntata”.

Nonostante la grave mancanza di non aver controllato e verificato la fonte dei video russi Matteo Viviani si dice soddisfatto di aver realizzato il servizio su Blue Whale perché “Non posso praticare l’omertà su un argomento e se ho contribuito a salvare anche una sola persona, il mio è stato un lavoro prezioso”

Selvaggia Lucarelli nel suo profilo Facebook pubblica un estratto dall’articolo sottolineando che le ricerche in internet su cosa fosse il Blue Whale sono impennate dopo la messa in onda del servizio de Le Iene.

Blue Whale: la ricostruzione dei video bufala de Le Iene VIDEO

Questo è il principale video che ha smascherato il servizio di Matteo Viviani