Un thriller ambientato nelle profondità marine, Black Sea, è il nuovo film diretto dal regista scozzese Kevin Macdonald, prodotto da Charles Steel e con sceneggiatura curata da Dennis Kelly. Nel cast di attori anche Jude Law, che veste i panni del capitano Robinson, alla guida di una pericolosa missione finalizzata a recuperare un immenso tesoro sepolto all’interno di un sommergibile tedesco adagiato dal 1941 sul fondo del mar Nero.

Dopo aver perso il lavoro a cui ha dedicato una vita, e per il quale si è trovato a dover sacrificare il proprio matrimonio, Robinson cerca riscatto con un’impresa ai limiti delle possibilità umane. Tutto sembra andare per il verso giusto, ma l’avidità dei membri che compongono l’equipaggio prende il sopravvento subito dopo aver recuperato l’oro, dando vita ad un gioco al massacro da cui solo uno uscirà vivo.

La pellicola confezionata da Macdonald, già premio Oscar nel 2000 con il documentario “Un giorno a settembre”, arriva in Italia giovedì 16 aprile. L’idea alla base del film è nata dal desiderio di produrre un lungometraggio in grado di mettere in mostra i diversi modi di reagire al pericolo da parte dell’essere umano. Ciò che ne è scaturito è una produzione che affronta il terrore dell’essere intrappolati sott’acqua, dal forte impatto emotivo, in cui è la sensazione di claustrofobia a permeare ogni scena. Più nel dettaglio, l’interazione tra i personaggi mette in luce le dinamiche che si vengono a creare a bordo di un sottomarino, un contesto completamente distaccato dal mondo reale, capace di cambiare per sempre il modo di rapportarsi agli altri.

Black Sea, una scena del film

Black Sea, una scena del film

L’acqua è l’elemento che accompagna la narrazione dall’inizio alla fine, imprigionando i protagonisti del film all’interno di quella che può essere paragonata ad una realtà parallela, priva di contatti con l’esterno e in cui la concezione del tempo viene fortemente alterata dall’assenza di luce naturale. Un dettaglio sottolineato anche nel trailer, quando Robinson ricorda al membro più giovane dell’equipaggio che non ci sono finestre. Il realismo delle riprese è dovuto in gran parte all’aver girato su un autentico sottomarino dell’epoca: il Black Widow, messo a disposizione da un collezionista e conservato nel fiume Medway che attraversa la città di Rochester. Organizzare il set all’interno della struttura ha richiesto un notevole impegno, ma il risultato è l’assoluta fedeltà dei compartimenti interni, ricreati fin nel minimo particolare con l’aiuto di esperti del settore.

Nel cast di attori figurano anche Scoot McNairy (“12 anni schiavo”), Ben Mendelsohn (“Il Cavaliere Oscuro: il ritorno”), David Threlfall (“Nowhere Boy”), Konstantin Khabenskiy (Wanted: scegli il tuo destino), Sergey Puskepalis (“How I Ended This Summer”), Michael Smiley (“L’alba dei morti dementi”), Grigory Dobrygin (“La spia: A Most Wanted Man”), Sergey Veksler (“Antikiller”), Sergey Kolesnikov (“Die Hard: un buon giorno per morire”), Bobby Schofield (“Milner”) e Jodie Whittaker (“Dust”).

Pubbliredazionale