Argo è il terzo film da regista di Ben Affleck. Una conferma e una garanzia dietro la macchina da presa per uno che è sicuramente tra i più interessanti attori della scena Hollywoodiana contemporanea.

Argo si basa su una storia tanto vera quanto inverosimile. Di cosa si tratta? Un piano messo a punto dalla CIA, molto particolare.

Argo è forse il miglior film del Ben Affleck regista.
E con lui, nelle vesti di produttore, c’è un collega stimatissimo e ormai da tanti anni famosissimo anche in Italia.

“Non sapevo nulla della storia prima che George Clooney mi facesse leggere il copione, e non riuscivo a credere che fosse vera. Quando come regista lavori su una storia vera, hai due principali responsabilità: la prima è quella di realizzare il miglior film possibile per il tuo pubblico, di cercare di soddisfarlo emozionalmente e dal punto di vista spettacolare; la seconda è quella di rispettare il cuore della verità e della storia che racconti. È un gioco d’equilibrio, molto complesso. In Argo, rispetto ai fatti, ho aggiunto un po’ di action nel terzo atto, ma in generale i miei peccati rispetto alla verità sono peccati di omissione: di dettagli e di fatti. Per me comunque Per l’aspetto thrilling della storia era secondario, anche se devo ammettere che è quello che per primo emerge nei giudizi delle persone con cui parlo.”