Accuse pesanti quelle rivolte a Belen e Cecilia Rodriguez, due tra le sorelle più famose dello showbusiness italiano.

A lanciarle è Sara Da Silva, modella e stilista brasiliana e nota sopratutto come consorte del calciatore francese Jonathan Biabiany, di stanza all’Inter, la quale senza mezzi termini afferma che la sua linea di costumi è servita da ispirazione molto ravvicinata all’analogo brand di bikini lanciato dalle due argentine. Insomma, ci sarebbe stato un plagio.

La Da Silva ha pubblicato ieri una foto su Instagram nella quale spiega a grandi linee quella che è la sua posizione sulla questione, pur senza fare nomi (anche perché non ve n’è bisogno): “Famose da 4 milioni di followers in Italia. Proprietarie di Brand di bikini, che non solo ti copiano spudoratamente modelli che tu avevi precedentemente proposto nella prima tua Collezione, oltre al concept della prima mia campagna fotografica, ma mantengono anche gli stessi nomi dei modelli?! Per la serie #fantasiazero! La cosa ancor più gratificante è che gente così famosa non dovrebbe nemmeno esser al corrente della mia esistenza… e a quanto pare… non è così. Viva la Belaflorear! Sono felice che vi piacciono le mie idee, onorata. I copioni arrivano sempre secondi se pur più famosi”.

Al momento le sorelle Rodriguez hanno incassato senza replicare, ma non è improbabile che le showgirl si rimettano ai loro avvocati per dirimere la questione, in un modo o nell’altro: in caso di denuncia di una delle due parti in campo si potrebbe arrivare a un risarcimento o al riconoscimento della paternità (anzi, maternità) delle linea di bikini.