Dell’importanza capitale dell’album Abbey Road nel mondo della musica moderna si è detto tantissimo. Uscito il 26 settembre del 1969, si tratta dell’ultimo lavoro in studio dei Beatles; il seguente Let It Be, infatti, sarebbe stato creato a partire da registrazione preesistenti.

Sono tanti i motivi per cui ricordare quest’opera, a partire dal lungo medley che occupa la maggior parte del lato B dell’album. Ma tra i tanti oggi è d’obbligo ricordare la celeberrima copertina, nata a partire da uno scatto del fotografo Iain McMillian, che l’8 agosto di 45 anni fu protagonista di un momento memorabile.

Intorno a mezzogiorno infatti avrebbe immortalato i quattro Beatles – John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr – mentre attraversavano le strisce pedonali di Abbey Road, la via in cui si trovavano gli omonimi studi di registrazioni, rifugio e fucina artistici del gruppo.

Fu scelta la quinta foto su sei, per una serie di motivi molto semplici: i Beatles erano perfettamente allineati e la loro direzione di marcia – da sinistra a destra – avrebbe ben rappresentato ciò che stava succedendo nella loro carriera (si stavano allontanando dagli studi).

Oggi quella via è meta di pellegrinaggi da fan di tutto il mondo e sono tantissime le parodie e i tributi che riempiono il web. Tra gli omaggi ufficiali e ugualmente musicali possiamo citare The Abbey Road E.P. dei Red Hot Chili Peppers, in cui i quattro rocker si fanno fotografare completamente nudi – calzino a parte in posizione strategica – proprio nella stessa posa e nello stesso luogo dei Beatles.

Foto credit: EMI – Apple Records