I figli di Mike Bongiorno, Nicolò e Michele, dopo il riconoscimento del feretro ritrovato nelle campagne del milanese, avvenuto presso il dipartimento di medicina legale di Milano, hanno dichiarato di essere soddisfatti.

La bara del padre di Mike Bongiorno è stata infatti trovata abbandonata nella campagna di Viuttone, località a circa 30 km da Milano.

La salma del celebre conduttore di programmi televisivi ma soprattutto di giochi a quiz, da “Rischia tutto” alla più recente “La ruota della fortuna”, era stata trafugata dal luogo di sepoltura quasi un anno fa.

Al furto del feretro era seguita una richiesta di riscatto alla quale la famiglia Bongiorno, profondamente addolorata, non aveva voluto piegarsi.

La bara, riconosciuta dai figli del presentatore, presenta le saldature ancora intatte perciò non sarà necessario aprirla per procedere all’esame del DNA.

Ma la squadra dei Ris è già all’opera – nonostante il feretro sia stato esposto agli agenti atmosferici alcune ore – per rilevare possibili tracce presenti sulla bara e poter risalire ai responsabili del furto sacrilego. Le eventuali impronte, infatti, possono esser state facilmente cancellate dalla pioggia e dalle intemperie.

Ma il ritrovamento è agli atti ed i figli di Mike Bongiorno si ritengono soddisfatti di essere finalmente giunti ad un epilogo.