Spotify è un servizio di streaming musicale che permettere di ascoltare musica in modalità completamente gratuita. Per gli artisti e le band, invece, c’è un guadagno: sembra infatti che Spotify debba pagare circa 0.007 dollari per ogni riproduzione. E’ vero, non è moltissimo, ma a quanto pare qualcuno ha saputo sfruttare al meglio questa piccola forma di guadagno. E’ il caso di una band emergente, i Vulfpeck, che si sono fatti strada sulla piattaforma musicale con il loro album “Sleepify“. Peccato, però, che siano stati bannati dallo stesso Spotify e la motivazione è tanto ridicola quanto esilarante: il gruppo aveva uploadato un “silent album”, cioè un album senza alcun suono.

I Vulfpeck avevano consigliato ai tutti i loro fan di premere il tasto play tutte le sere prima di andare a letto, selezionando la funzione di ripetizione in modo da far andare avanti l’album per tutta la notte. Il loro scopo era ovviamente quello di guadagnare più soldi possibile, ma a loro discolpa possiamo dire che, da quanto letto in rete, sembra che la band volesse utilizzare quei soldi per organizzare dei concerti completamente gratuiti a cui invitare i loro fan senza fargli pagare l’ingresso (scopri qui come avere Spotify gratis e illimitato).

A Spotify, però, la trovata non ha colpito, se non in termini economici: grazie alla copertura mediatica ricevuta da “Sleepify” (questo il titolo dell’album) la band ha guadagnato circa 20 mila dollari. Circola voce che Spotify abbia immediatamente contattato la band chiedendo di rimuovere l’album: le motivazioni indicate nella lettera sarebbero riguardanti la violazione dei termini di servizio. Non è ancora certo se i Vulfpeck siano stati realmente bannati, ma è certo che l’album è stato cancellato dalla piattaforma per lasciare spazio ad alcune nuove tracce in cui la band spiega cos’è accaduto e le motivazioni del loro gesto. Per il momento i Vulfpeck non hanno ancora ricevuto i 20 mila dollari, visto che Spotify invia il denaro ricavato entro due mesi. A breve scopriremo l’epilogo di questa divertente ed originale vicenda.

Foto by InfoPhoto