Nuovi scossoni in casa Rai. Più precisamente ci riferiamo al terzo canale della rete che ospita il format politico Ballarò.

Dopo la dipartita del conduttore Giovanni Floris, che ha abbandonato la sua creatura trasferendosi presso La7 (per ragioni strettamente economiche, a quanto pare), i vertici di viale Mazzini hanno finalmente annunciato di aver trovato un sostituto.

Il fortunato è Massimo Giannini è vicedirettore de la Repubblica, quotidiani dal quale ovviamente si dimetterà, a capo della redazione economica e politica, nonché del supplemento Affari&Finanza.

Dalle prime voci sembra che il suo arrivo porterà qualche cambiamento nella celebre trasmissione, che sarà maggiormente orientata verso l’inchiesta giornalistica sul campo e meno sul dibattito in studio tra ospiti famosi (con conseguente e inevitabile cagnara).

La scelta di Giannini però non è piaciuta al sindacato dei giornalisti della Rai, che ha contestato all’azienda l’ennesimo ricorso a un esterno, quando si sarebbe potuto pescare dall’ampio bacino interno (1700 cronisti). È stata inoltre chiesta maggiore trasparenza al direttore generale Gubitosi, che dovrà rendere pubblici tutti i dettagli del contratto di Giannini.

Non giova molto a Rai 3 ricordare che da tempo Floris aveva ormai un (ricco) contratto da lavoratore autonomo, proprio come succederà al suo successore.

Foto credit: Rai