Questa sera, Martedì 16 settembre, alle 21.05 su Rai3, riparte la nuova edizione di Ballarò con  una grande novità: a condurla sarà Massimo Giannini, già vicedirettore de La Repubblica. Per la prima puntata la copertina satirica sarà affidata a Roberto Benigni.

Ballarò riparte per la sua tredicesima stagione forte del prestigio costruito nel tempo, arricchito dall’autorevolezza di Giannini che introdurrà ogni puntata con un editoriale sui fatti della settimana.

La struttura del programma, che manterrà molti degli elementi che ne hanno fatto uno degli appuntamenti più autorevoli del giornalismo politico in tv, è stata aggiornata in modo dinamico e contemporaneo, cercando di ridurre sempre di più la distanza tra “politica da talk show” e vita quotidiana, con l’intenzione di fornire allo spettatore strumenti e informazioni necessari per la comprensione della realtà politica, economica e sociale del Paese.

Così come tutto l’impianto del programma, anche la sigla ha beneficiato di un restyling grafico e musicale. Il tradizionale motivo Jeux d’enfants di Rene Dupère è stato riarrangiato in chiave moderna da Ivano Fossati, da sempre estimatore del programma, mentre la grafica è stata rielaborata in chiave artistico pop da Stefania Trifoni.

Forte di una rinnovata squadra di inviati, la nuova edizione di Ballarò si svilupperà anche al di fuori dello studio, sia con servizi di inchiesta, racconto e denuncia, sia con collegamenti esterni in diretta.

Ballarò aprirà vere e proprie “finestre sull’Italia” per raccontare la realtà in modo completo, dando spazio a tutto ciò che può arricchire il dibattito portando altre esperienze, nuove storie, inedite realtà.

Il programma si avvarrà della collaborazione dell’istituto Euromedia Research di Alessandra Ghisleri al quale è stata affidata la realizzazione dei sondaggi d’opinione sui temi della stretta attualità politica e sull’andamento delle tendenze di voto.

Non mancherà il contrappunto comico-satirico in apertura di puntata che vedrà protagonisti volti diversi che di volta in volta si alterneranno per dare il proprio contributo e fornire un punto di vista originale.

A questi si aggiungerà ”Il Candidato”, web serie satirica di 20 puntate, da 5 minuti ciascuna, prodotta da Rai Fiction che vede protagonista Filippo Timi nel ruolo di uno sprovveduto candidato alla presidenza del Consiglio alle prese con un’improbabile campagna elettorale.

La nuova edizione di Ballarò sarà sempre più aperta al mondo dei social network, utilizzando il web come strumento di dialogo con gli spettatori durante la visione dei programmi tv.

Foto credit: Rai