A margine della conferenza stampa di presentazione di Ballando con le Stelle, abbiamo incontrato Giuliana De Sio che ci ha raccontato perchè ha deciso di partecipare al celebrity show di Milly Carlucci: “Sono 4 anni che Milly mi insegue e io avevo sempre detto di no. Quest’anno avevo bisogno di uscire da un clima triste nel quale ero piombata per via di due lutti gravi e ho detto massì mi diverto…”

Che ambiente si respira dietro le quinte? “È un ambiente bello, se non dovessi ballare in diretta ci verrei tutti i giorni -scherza- ti truccano, si chiacchiera, ti mettono queste tutine carine… poi purtroppo devi ballare per tre ore, però sarebbe pure carino perchè una diventa magra, si mantiene in forma, se solo non ci fosse l’incubo che poi devi farlo davanti alla telecamera, questa vita non mi dispiacerebbe…”

La De Sio è in preda all’ansia da prestazione e ci rivela un problema al menisco che potrebbe un impedimento serio alla gara: “Spero non si rompa più di quanto lo è già perchè potrebbe compromettere la mia partecipazione a Ballando, speriamo di no”.

Ma i giudizi della giuria con relative polemiche che potranno nascere, come le affronterà? Con lo stesso spirito con il quale affronta le interviste televisive (citofonare Cristina Parodi e Silvia Toffanin)? “Se mi dicono che faccio schifo, c’hanno ragione, io non so ballare, certo se mi insultano per il gusto di fare spettacolo allora rispondo per le rime. Essere giudicati da chi non fa questo di mestiere fa parte del gioco, a me interessa fare la mia esibizione, una volta ballato, mi possono dire di tutto, ho fatto quello che devo fare, mi metterò davanti alla giuria, mi diranno cose terribili, io cercherò di mantenere il sorriso e il buon umore, perchè sarò felice di aver finito”.

Proprio sulle sue risposte pungenti alle interviste che solitamente spiazzano le intervistatrici, la De Sio, poi, puntualizza: “Io sono costretta a rispondere, la verità è che non ho opinioni e non ho risposte alle domande che mi fanno le giornaliste: cerco di evitare risposte preconfezionate a risposte preconfezionate, questo è il mio sport. Io nella mia vita non ho mai voluto fare la guerra, vengo raccontata come una guerrigliera ma non penso mai a quello che dico, credo di avere una naturale eleganza nel dire le cose e anche un po’ di senso dell’umorismo, per fare un po’ di spettacolo per far ridere, se no che palle le interviste! Solo che molto spesso poi vengono poi usate contro di me”.

L’intervista integrale nel video che segue