James Cameron ha deciso di traslocare. Dopo aver affittato gli studios MBS Media Campus di Manhattan Beach in California, il regista ha deciso di trovare una location più adatta per girare i sequel di “Avatar” e l’ha trovata in Nuova Zelanda.

Una tenuta di2.500 ettari, nei pressi del Lago Pounui, costata 16 milioni di dollari.

Una tenuta immensa dove il regista vuole costruire gli studi di posa nei quali verranno fatte le riprese di entrambi i sequel di “Avatar” che Cameron ha deciso di girare in contemporanea. In questo periodo James Cameron è ancora a Santa Barbara dove sta terminando la lavorazione degli script dei due film, per trasferirsi poi in Nuova Zelanda solo in autunno, quando inizia la primavera. I due film usciranno ad un anno di distanza l’uno dall’altro, con un ritardo di un anno sulle previsioni della Fox, che aveva previsto “Avatar 2” per il 2014 e “Avatar 3” per il 2015.

Diverse le motivazioni di questa scelta, la prima fra tutte, a detta dello stesso Cameron è che

Le persone qui hanno una freschezza e una flessibilità impossibili ormai da trovare negli Stati Uniti. Non sono come le persone di terza generazione che si annoiano a lavorare nei teatri di posa a Los Angeles.

In secondo luogo anche la vicinanza agli studi di Peter Jackson a Wellington, che possono essere raggiunti con circa 15 minuti di elicottero.