È cosa risaputa che tutto ciò che è appartenuto ad artisti di grande fama prematuramente scomparsi acquista un grande valore e i fan e gli appassionati sono pronti a tutto pur di accaparrarsi queste mirabilia.

L’ultimo grande affare è stato fatto a Londra con la vendita all’asta di “LadyLike”, il quadro fatto con sangue e colori che porta la firma di Amy Winehouse e di Pete Doherty.

Il tutto è partito con una mostra «On Blood: A Portrait of the Artist» allestita lo scorso febbraio a Londra, presso la  Cob Gallery di Camden, dedicata, appunto, a Pete Doherty, il cantante e frontman dei “The Libertines”, che già da tempo ha iniziato a creare dei dipinti con il suo sangue.

Alla realizzazione di “LadyLike” ha partecipato, in tutti i sensi, anche Amy Winehouse, e il dipinto ha fruttato ben 35.000 sterline, che equivalgono a 43.000 euro. Inizialmente il quadro non era destinato ad essere venduto, ma l’insistenza dei fan ha convinto i curatori a metterlo all’asta.

Ma, nonostante le aspettative, il quadro ha reso molto di meno rispetto a quanto ci si sarebbe aspettato – il quadro partiva con una base di asta di 50.000 sterline – parte dei quali sarà devoluto alla Fondazione Winehouse creata dal padre di Amy.