Luca Argentero, personaggio nato sul piccolo schermo del reality, poi battezzato dal cinema d’autore, grazie all’interpretazione di pellicole che portano la firma in calce di registi come Ferzan Ozpetek o Francesca Comencini, torna alla televisione, ma questa volta non da concorrente, bensì da conduttore delle Iene, programma di inchiesta ed intrattenimento molto amato dai telespettatori italiani.

Passò le selezioni per la terza edizione del Grande Fratello, padre di tutti i reality, grazie all’ intercessione di una letterina lanciata da Gerry Scotti che si rivelò essere sua cugina.

Dopo la partecipazione all’edizione del 2003 durante la quale fu notato per la bella presenza, posò per un calendario uscito in edicola con la rivista Max e raggiunse l’indice di gradimento che gli consentì, dopo una lunga serie di comparsate in trasmissioni e fiction televisive (ad esempio Carabinieri), di arrivare a realizzare il progetto più ambito di lavorare come attore per il grande schermo.

Ma adesso è al contempo protagonista del sequel di Lezioni di Cioccolato, prossimamente nelle sale, e presentatore di un programma televisivo cult a cadenza settimanale, e ciò che pensa Argentero spiazza chiunque avesse creduto di avere un’idea abbastanza precisa di lui.

Luca non vuole trovarsi nella situazione in cui, come attore ormai riconosciuto ed affermato, sia tentato dall’arroganza data da questa posizione, e per questo dover rinunciare, invece, a mettersi nuovamente in gioco.