Si terrà fino al prossimo 21 ottobre alla casa del cinema di Villa Borghese la mostra in ricordo dell’attrice italiana Anna Maria Pierangeli.

La Pierangeli ebbe una vita molto intensa, seppur molto breve, interrotta all’improvviso quando non aveva neppure 40 anni.

La Pierangeli debuttò nel film “Domani è troppo tardi” del regista Leonida Moguy, interpretazione che le valse il Nastro d’Argento come migliore attrice protagonista.

A seguito del successo si trasferì stabilmente negli Stati Uniti ed arrivò presto il suo esordio a Hollywood con il lungometraggio Teresa (1951), diretto dal premio Oscar Fred Zinnemann.

La Pierangeli fu tra le prime attrici italiane a oltrepassare l’oceano ed approdare nel cinema statunitense: nel 1952 venne diretta da Richard Brooks in “L’immagine meravigliosa”, poi da Andrew Marton nel film “I lupi mannari”, e ancora da Norman Foster in “Sombrero”.

Oltre al successo cinematografico contribuì alla celebrità della Pierangeli anche la serie di love story che le vennero attribuite al tempo con alcuni miti del cinema americano come  James Dean e Kirk Douglas.

Il 10 settembre di 40 anni fa moriva nel suo appartamento di Los Angeles, stroncata da un overdose di barbiturici.

Per l’occasione, la Casa del Cinema di Villa Borghese la ricorda con una mostra dal titolo ‘Anna Maria Pierangeli. Il fascino italiano conquista Hollywood’ aperta al pubblico da mercoledi’ prossimo al 21 ottobre.