Stasera, mercoledì 8 ottobre, in prima serata su Canale 5, andrà in onda “Angeli“, il film per la tv con Raoul Bova e Vanessa Incontrada che vede Raoul Bova nei panni di un “ragazzone” benestante e senza preoccupazioni la cui vita giunge ad una svolta quando diviene un angelo e viene arruolato nell’”esercito celeste”.

Per Vanessa Incontrada la particolarità che renderà diverso angeli è “la semplicità in quello che si vede e il sentimento di leggerezza. Mi auguro che chi lo guarderà per il tempo del film si dimentichi un po’ la vita reale e sogni con questo film e insieme ai protagonisti.”

La Incontrada racconta che Bova è “molto autorinico e sul set lo prendevo molto in giro. Raul e io parliamo la stessa lingua, ci siamo trovati molto bene.”

La particolarità a livello registico della fiction è che si vedrà il punto di vista dell’angelo attraverso delle riprese fatte con un drone aereo (flycam) che ha permesso un nuovo linguaggio per una commedia brillante.

Ma quello dalla Incontrada non è il primo angelo della tv sicuramente l’angelo più noto della storia del cinema è probabilmente quello di “Il cielo sopra Berlino” e “Così lontano, così vicino”, le due pellicole di Wim Wenders che in proposito ha detto: “L’angelo per me era soprattutto una metafora, cioè il meglio di noi stessi. Quella parte con la quale a volte riusciamo ad avere un contatto, ma che più spesso ci sfugge. Mi convinsi che ognuno ha un angelo dentro di sé e lo illustrai in una storia poetica”. 

Appuntamento a stasera con questo film per la tv che vuole essere un momento di semplicità e leggerezza per tutti i telespettatori.

PhotoCredit: infophoto