Arriva oggi a spegnere 90 candeline Angela Lansbury, tra le attrici più famose dei nostri tempi grazie alle continue repliche de La signora in giallo.

Nata a Westminster nel 1925, sin da piccola la Lansbury è stata indirizzata verso la carriera d’attrice dalla madre, anch’ella nel mondo dello spettacolo: compie 90 anni.

Straordinario il suo debutto nel mondo del cinema grazie a un’istituzione come George Cukor, che la volle nel 1944 in Angoscia, dove recitava al franco di due star come Ingrid Bergman e Joseph Cotten. Grazie alla sua interpretazione Angela ottenne una nomination agli Oscar come migliore attrice non protagonista, una coincidenza sulla quale lei stessa amava ironizzare.

Una nomination come migliore attrice che sarebbe stata replicata anche nel 1946 grazie a Il ritratto di Dorian Grey di Albert Lewin e per il capolavoro del 1962 Va e uccidi firmato da John Frankeneimer.

La Lansbury, che ai tempi della sua giovinezza era considerata anche una notevole bellezza, ha sempre avuto una carriera molto eclettica, frutto di una scelta consapevole, come ha ammesso con il senno di poi: “Penso a me stessa come un’attrice viaggiatrice. Tento qualsiasi cosa cui penso io possa dare qualcosa di significativo. Potrebbe essere davvero di tutto.

Di sicuro, senza tralasciare i suoi ruoli cinematografici e quelli teatrali (che lo sono valsi ben 5 Tony Awards, un Oscar alla carriera) la parte più nota che l’ha fatta diventare un’icona è quella della detective Jessica Fletcher, protagonista della celeberrima serie La signora in giallo, negli Stati Uniti conosciuta come Murder, She Wrote.

12 stagioni per un totale di 264 episodi, grazie ai quali la Lansbury ha vinto 4 Golden Globes. La scrittrice Jessica ha risoltato qualsiasi caso di omicidio, quasi sempre verificatisi nelle prossimità della cittadina di Cabot Cove, secondo alcuni ironici calcoli il centro abitato più sanguinario dell’intero pianeta. La stessa Fletcher, nelle fantasie dei fan, è divenuta una sorta di assassina occulta o inconsapevole che con la propria sola presenza è capace di far accadere le peggiori disgrazie.

A testimonianza dell’importanza della serie nella memoria degli spettatori si ricorderà come il tentativo di un remake con protagonista Octavia Spencer sia naufragato sia per il parere negativo di Angela Lasbury che per le rimostranze dei fan, affezionati all’unica e sola Signora in giallo.