Nuove rivelazioni emergono dal “caso” Amy Winehouse, l’indimenticata popstar scomparsa a soli 27 anni il 23 luglio 2011: secondo le ultime indiscrezioni sull’artista, si presume potesse essere incinta del fidanzato, il regista Reg Traviss. A dare la notizia è stato Mitch Winehouse, il padre della cantante che, in un’intervista rilasciata al network australiano Seven, ha fornito nuove informazioni sulla vita della figlia prematuramente scomparsa e ritrovata morta nella sua casa di Camden Square a Londra. Queste le parole del genitore: “Stava con Reg e stavano pensando di sposarsi. Non si dovrebbe dire, ma a un certo punto pensò di essere incinta. Far credere che fosse sola è francamente da criminali“.

Tali dichiarazioni giungono dopo l’uscita del nuovo docu-fiction sulla cantante, “Amy” (diretto da Asif Kapadia) che viene ritratta come una persona sola e senza affetti. “Già dall’inizio la squadra del film aveva un’idea fatta e finita di quello che voleva fare – aveva già dichiarato il padre Mitch al SunE non ha lasciato che qualcuno si mettesse in mezzo, neppure la verità, neppure gli amici di Amy. Vengo raffigurato come un padre assente, durante i suoi ultimi anni. Si dà l’impressione che la famiglia non ci fosse. Ma io ero lì, eravamo da lei tutti i giorni e Amy mi telefonava anche sette volte al giorno. Ma di questo nel film non c’è traccia“.

Per demolire questo scenario familiare di malinconia e solitudine della cantante, consegnata a un’immagine di artista in perenne stato depressivo, non troppo gradita ai membri della famiglia, stando ad alcune indiscrezioni, l’ex marito Reg e papà Mitch si sarebbero messi al lavoro per realizzare un nuovo film sulla vita di Amy. “Mitch e Reg – ha dichiarato un’imprecisata fonte vicina alla famiglia – stanno pensando di fare qualcosa per correggere tutte le distorsioni e le omissioni presenti nel nuovo film. Sono esasperati dalla rappresentazione fuorviante e assolutamente imprecisa che si dà di Amy nel documentario di Asif Kapadia“.