Il primo uomo” di Gianni Amelio uscirà nelle sale italiane il prossimo 20 aprile, mentre in Francia, paese  cui il film è stato girato e prodotto, l’uscita è stata rimandata a ottobre per questioni di promozione, almeno così dicono i produttori.

Per Amelio le cose non stanno esattamente così e nono risparmia commenti duri per nessuno.

Amelio, attuale direttore del Torino Film Festival, non esita a scagliarsi contro l’ex direzione della Mostra del Cinema di Venezia, Marco Muller – attualmente Direttore Artistico del Festival del Cinema di Roma – che, in un primo tempo ha selezionato i film per portarlo sul palcoscenico veneziano, per poi ritirare la candidatura qualche giorno dopo.

Il regista dichiara anche di aver rifiutato la partecipazione al Festival di Roma, perché ancora deluso e arrabbiato dai fatti di Venezia. Il suo premio a Toronto, il premio della critica, invece, è arrivato senza che lui desse l’assenso alla partecipazione del film, infatti non era presente alla premiazione.

Parole dure anche per la Francia. Il suo film uscirà ad ottobre, ma Amelio nono sembra essere soddisfatto della spiegazione dei produttori, pensando, invece, che “Il primo uomo”, che racconta la vita dello scrittore di origine algerina Albert Camus, sia considerato troppo dalla parte algerina e potrebbe far bruciare ancora una ferita francese mai del tutto rimarginata.