I casting del nuovo talent show sono apertissime, se confermata la data di partenza, la lotta Auditel sarà fra Milly Carlucci e Maria De Filippi.

Non ci sono ancora troppo notizie a proposito del nuovo talent di Milly Carlucci, Altrimenti ci arrabbiamo, la versione italiana di Born to shine. Fra le tante indiscrezioni, anche la possibilità che l’inizio del programma sia stato fissato per il 6 aprile, prima serata del sabato, in concomitanza con l’inizio del serale di Amici 12. Se fossero confermate le date, ci sarebbe una vera e propria guerra fra titani.

Maria De Filippi, in questo caso, partirebbe avvantaggiata, Amici 12 va in onda da qualche mese, al serale ci sono due beniamini del pubblico, Emma Marrone e Miguel Bosè oltre al grande parterre di ospiti musicali anticipati dalla Sanguinaria. Milly Carlucci presenterà un prodotto nuovo che potrebbe anche non piacere. Staremo a vedere.

Intanto, la ricerca dei personaggi vip che potrebbero partecipare ad Altrimenti ci arrabbiamo continua. Qualche nome salta fuori, fra questi, sembra già stato firmato il contratto, Attilio Romita, giornalista del TG1. I rumors parlano anche di Giulio Berruti, Caterina Balivo, Simone Corrente e Alberto Tomba, che Milly Carlucci insegue sin dai tempi di Ballando con le stelle, il fortunatissimo programma che dovrebbe tornare il prossimo anno.

Il nuovo talent di Milly Carlucci è piuttosto innovativo, infatti, ad Altrimenti ci arrabbiamo, saranno ragazzi di età comprese fra i 12 e i 17 anni ad insegnare ai vip varie discipline acrobatiche, dall’hip hop alla break dance passando dalla ginnastica artistica. Le puntate previste saranno 4, ma potrebbero aumentare. I concorrenti saranno 10.

Milly Carlucci aveva promesso di svelato si Twitter altri particolari ma, almeno per il momento, racconta delle difficoltà di percorso:

Mettere su un programma non è cosa facile, soprattutto in questi tempi di ristrettezze economiche che ci costringono a fare in un mese ciò che prima si faceva in 4 mesi. Ma quello che ripeto sempre a me stessa e ai miei compagni di lavoro è di ringraziare Dio tutti i giorni per la fortuna immensa che abbiamo nel fare questo lavoro. Che è un lavoro più serio e più duro di quanto si pensi, ma anche un immenso dono.