Ridley Scott ha ormai deciso di riprendere pieno possesso di uno dei due franchise di fantascienza cui ha legato il proprio nome, ovvero Alien (l’altro è Blade Runner, il cui seguito è però stato affidato al canadese Denis Villeneuve).

Il celebre regista britannico durante una conferenza stampa del nuovo film Alien: Covenant, ufficialmente il seguito del tanto bistrattato Prometheus, ha dichiarato infatti di essere al lavoro su un totale di tre pellicole che condurranno direttamente agli eventi del primo Alien del 1979.

Scopriremo dunque il significato di quell’enorme astronave che ha colpito l’immaginario dell’epoca, dell’essere mostruoso morto da secoli e infine dello xenomorfo che si nascondeva nel suo corpo e che avrebbe poi perseguitato Sigourney Weaver in tutti i capitoli della saga.

In effetti Ridley Scott ha parlato proprio del fatto che l’idea Prometheus sia “nata dalla frustrazione nata dall’aver girato solo primo Alien, in quanto non faccio sequel. Sono rimasto stupito dal fatto che nessuno si chiedesse cos’è Alien, perché è nato, chi l’ha creato. Domande semplici, insomma.”

Il suo prossimo Alien: Covenant, le cui riprese partiranno a febbraio dell’anno prossimo, avrà alla base una storia complessa, l’evoluzione di ciò che è avvenuto nel prequel. Si tratta del viaggio della nave Covenant, che scopre ciò che pensa essere un nuovo paradiso incontaminato ma che è in realtà un mondo oscuro e pericoloso, il cui solo abitante è David, il sintetico interpretato da Michael Fassbender, unico sopravvissuto alla spedizione di Prometheus.

A quanto pare, infatti, il ruolo della Shaw di Noomi Rapace sarà molto limitato e l’attrice dovrebbe limitarsi a una breve apparizione. Al film ne seguiranno poi altri due che si ricollegheranno al primissimo Alien.

Ridley Scott ha dichiarato di essere stato convinto a vincere la propria ritrosia a fare dei sequel dei suoi film (in un certo senso già superata con Prometheus stesso) dall’enorme interesse scatenato dalla prossima invasione di sequel e spin-off relativi alla terza trilogia di Star Wars, che l’ha grandemente impressionato.