Ha debuttato il 25 maggio nelle sale italiane l’atteso sequel Alice attraverso lo specchio firmato dalla Disney.

La casa di Topolino ha di che festeggiare, dato che il blockbuster ha già incassato circa 2 milioni di euro in un solo weekend, un ottimo risultato per questa continuazione delle avventure dell’eroina creata da Lewis Carrol e che è stata poi portata su grande schermo da Tim Burton.

Il maestro del gotico non è però tornato per il sequel, ma ha lasciato il progetto nelle mani fidate di James Bobin, già regista dei due capitoli cinematografici dei Muppets.

Sono invece in tanti membri del cast a essere tornati in Alice attraverso lo specchio, a partire ovviamente dalla protagonista Mia Wasikowska, Johnny Depp, ancora una volta nei panni dell’estroso Cappellaio Matto, le due regine, opposte per temperamento e aspetto, che hanno le fattezze di Anne Hathaway e Helena Bonham Carter.

Importante new entry è invece quella di Sacha Baron Cohen: l’attore comico noto per il suo trasformismo riveste invece il fondamentale ruolo del tirannico Tempo, con cui Alice dovrà fare i conti.

La ragazza torna infatti a Londra dopo aver trascorso gli ultimi anni seguendo le impronte paterne e navigando per il mare aperto. A disagio in una città che non sembra conoscere bene, si ritrova ad attraversare lo specchio magico che la riporta nel Sottomondo che ben conosciamo, dove incontra nuovamente il Bianconiglio, il Brucaliffo, lo Stregatto e il Cappellaio Matto.

Quest’ultimo però sembra non essere più in sé, avendo perso la propria Moltezza: la buona e gentile Regina Bianca manda allora Alice alla ricerca di Tempo e della Cronosfera, un oggetto metallico dalla forma sferica custodito nella stanza del Grande Orologio che regola il trascorrere del tempo.

Tornando indietro nel passato, Alice incontra amici – e nemici – in diversi momenti della loro vita e inizia una pericolosa corsa attraverso l’Oceano di Tempo, per sfuggire alla Regina Rossa, la tirannica Iracondia, e salvare il Cappellaio… prima che sia troppo tardi.

Nella nuova clip esclusiva per Leonardo.it assistiamo a un curioso incontro tra il personaggio di Tempo e il Cappellaio Matto. Il primo si trova di fronte alla tavola imbandita sulla quale si svolgono le caratteristiche bevute di tè dell’altro, ma il suo unico interesse sembra essere trovare Alice, che gli ha sottratto qualcosa di molto prezioso.

Tempo però non pare essere in grado di controllare la propria loquela e celare intenzioni ed emozioni: ecco perché la sua richiesta diventa uno spasso monologo in cui si contraddice di volta in volta.