Alfonso Signorini, direttore del settimanale Chi, ha svelato in un’intervista a Il Giornale le motivazioni che l’hanno spinto ad allontanarsi dal mondo della televisione per qualche tempo. La causa principale della sua assenza dagli schermi è stata una malattia che l’ha colpito nel 2011: la leucemia. Il re del gossip italiano ha dichiarato di averlo scoperto proprio quando conduceva il suo fortunato format tv Kalispera, l’appuntamento in seconda serata di Canale 5 in cui metteva a disposizione degli ospiti più rilevanti del tubo catodico il suo salotto per chiacchierate e confessioni esclusive.

“Ero in diretta, all’ultima puntata di Kalispera. C’era la Ferilli, ricordo la sua bocca che si muoveva, lei parlava parlava e io sentivo il sudore colarmi lungo la schiena. Avevo 40 di febbre, mi hanno portato subito in ospedale”, così Signorini racconta la scoperta della leucemia, malattia che l’ha portato ad allontanarsi dalla televisione e a prendersi un periodo di pausa dal mondo scintillante dello spettacolo per prendersi cura di se stesso. “Ci tornerò presto” ha proseguito il giornalista, ammettendo che la tv gli manca e ammette che la malattia l’ha completamente cambiato facendogli vedere la vita con occhi completamente nuovi: “È stato un incidente frontale, ma sono arrivato a considerarlo una benedizione. Un dono”.

Proprio in questi giorni è arrivato nelle librerie il nuovo libro di Signorini, edito da Mondadori, intitolato proprio “L’altra parte di me” nelle cui pagine il direttore di Chi ripercorre i primi 50 anni della sua vita, raccontando la sua storia e la sua carriera confidandosi totalmente ai lettori. Nel volume sono contenute anche le rivelazioni sulla sua vita sentimentale, legata da quasi 13 anni a Paolo Galimberti, senatore del Pdl. Signorini smentisce le voci divulgate da Il Fatto Quotidiano che riguardano la scalata politica del compagna avvenuta grazie alle conoscenze del giornalista che ha precisato: “Il Fatto l’ha dipinto in modo ben diverso dalla realtà, ha scritto che va nei negozi a chiedere sconti a nome mio: credo che se li possa comprare, i negozi”.

Nell’intervista pubblicata sulle pagine del giornale diretto da Alessandro Sallusti Alfonso Signorini ha anche parlato della sua amicizia con Silvio Berlusconi, dicendosi “ben contento” di essere amico dell’ex Cavaliere e precisando che la loro amicizia “è umana, come quella con Marina, le mie uniche amicizie nel mondo dei vip”. Non sono mancati nemmeno i commenti sui matrimoni gay, argomento particolarmente rilevante negli ultimi mesi e che, spesso, ha creato polemiche nel mondo della politica. “Non sono favorevole al matrimonio tout court” ammette Signorini, ma tiene a sottolineare che “è giusto che ogni cittadino abbia uguali diritti e opportunità. Però mi fa specie che di queste battaglie si faccia una priorità, quando abbiamo ben altri problemi”.

Foto by InfoPhoto