Il consiglio di amministrazione della Biennale di Venezia ha scelto il regista messicano Alfonso Cuarón per presiedere la giuria della settantaduesima Mostra Internazionale di Arte Cinematografica che si svolgerà dal 2 al 12 settembre prossimo. Il nome di Cuarón è stato proposto dal direttore della Mostra stessa, Alberto Barbera.

La Mostra del Cinema di Venezia potrà dunque contare su un nome di grandissimo spicco: Alfonso Cuarón è infatti regista internazionale di acclamata bravura, uno dei mostri sacri della nuova generazione, che ha saputo farsi apprezzare da Hollywood e diventare professionista amato e stimato non soltanto nel suo Paese di origine.

Cuarón può contare infatti sulla vittoria di ben due Premi Oscar personali (miglior regia e miglior montaggio per il film Gravity, che tra l’altro ha aperto anche la Mostra del Cinema di Venezia nel 2013 e che poi ha ottenuto, nel complesso, la bellezza di sette statuette dall’Academy Award), su altre quattro nominations (Y tu mama tambien, I figli degli uomini e Gravity appunto).

Alfonso Cuarón presidente di giuria alla Mostra del Cinema di Venezia significa dunque avere a disposizione un grandissimo professionista che con la Mostra stessa ha sempre intrecciato uno stupendo rapporto idilliaco: tutti i film candidati agli Oscar sono sempre stati presentati a Venezia e nel 2001 la giovane coppia esordiente del cinema messicano, Diego Luna e Gael Garcia Bernal, portò addirittura a casa il Premio Marcello Mastroianni per l’interpretazione in Y tu mama tambien.