Dopo due anni di silenzio discografico Alessandra Amoroso è tornata con Vivere a colori, album (edito dalla Sony Music) che rappresenta per lei un fil rouge con il passato ma soprattutto uno sguardo verso il futuro. “C’è un cambiamento non solo nei testi, ma anche nelle sonorità che ora hanno anche un tocco dance. Non mancano naturalmente quelle ballad romantiche che mi hanno portato tanta fortuna, però ho voluto dare al tutto un sapore diverso. Posso dire che in questo album ci sono varie sfumature di me” – ci racconta Alessandra nel corso della presentazione milanese – “Stiamo vivendo, in generale, un momento difficile e quindi ho voluto lanciare dei messaggi di positività, attraverso i colori della musica. Voglio essere una macchia di colore tra tutto questo grigio e nero”.

Questo a partire dalla title track dell’album Vivere a colori, che la cantante ha realizzato insieme a Elisa: “Lavorare con lei è stato incredibile” – racconta – “Io l’ho sempre vista serissima e invece è una persona vivace e spiritosa. Con lei ho vissuto dei giorni intensi, molto belli”.
Tra le collaborazioni prestigiose non si possono dimenticare quelle con Tiziano Ferro (che ha firmato con Michael Tenisci la canzone La vita in un anno) e Federico Zampaglione (autore di Nel tuo disordine), oltre a quella del fotografo Giovanni Gastel che ha realizzato la copertina. “Giovanni mi ha fatto delle foto bellissime, ma devo ammetterlo: faccio fatica a vedermi così, bella e femminile. In realtà io sono un maschiaccio, nella vita sono tutta l’opposto” – scherza la cantante, che coglie anche l’occasione per punzecchiare i giornalisti che spesso la prendono in giro per la sua lacrima facile: “Io sono un eccesso in tutto, sia quando sono triste che quando sono felice, mi lascio trascinare dalle emozioni e piango spesso, è vero, però è bello. Sono me stessa in ogni occasione, anche davanti a voi, non cerco di nascondermi: me l’ha insegnato la mia famiglia e in particolare i miei nonni”.

C’è però un’altra famiglia che l’aspetta, quella formata dai suoi fans: “In molti mi chiedono perché non ho deciso di partecipare al Festival di Sanremo, dato che avevo l’album in uscita. Prima o poi ci andrà come concorrente (l’ho promesso a mia madre), ma per il momento il mio unico desiderio è quello di tornare ad abbracciare la mia ‘Big Family’ che mi è mancata tanto nell’ultimo periodo, soprattutto quando mi sono dovuta operare alle corde vocali e ho dovuto tornare a studiare canto e a fare sedute dalla logopedista per riprendermi”. Dopo il lancio promozionale dell’album, Alessandra tornerà a cantare dal vivo, con due importante anteprime del tour: il 27 maggio al Palalottomatica di Roma e il 30 maggio al Mediolanum Forum di Milano. E non è detto che non sia prevista qualche data anche all’estero, in particolare in Spagna, dove è uscita con un album lo scorso anno: “Ho studiato spagnolo per due anni, però mi è servito di più parlarlo con la gente del posto. Adoro i latini, perché sono passionali come me”.
Inevitabile la domanda su Amici, dove in molti la vorrebbero vedere in versione coach: “Sono ancora legata a quella tutina che indossavo da concorrente. Credo di dover ancora imparare molto, non mi sento nella posizione di insegnare. Però lo vedrò sicuramente da casa”.