Albano Carrisi è stato colpito da due attacchi cardiaci e, grazie ad un intervento tempestivo, è stato salvato. Tre ore in semi sedazione che, alla fine, hanno dato ancora più forza al noto cantante di Cellino San Marco. “Mi hanno chiamato tutti [...] forse non tutti i mali vengono per nuocere. Avevo un grave problema che si è risolto al meglio”, questo il commento di Albano al “Corriere della Sera” che l’ha raggiunto telefonicamente alcune ore fa, subito dopo i momenti di paura registratisi durante le prove del concerto di Natale all’Auditorium di via della Conciliazione a Roma.

Albano Carrisi operato nella notte per un infarto

Adesso Albano si sente “ringiovanito” e non vede “l’ora di torna sul palcoscenico”: “Dal 5 gennaio inizio una tournée di cinque o sei date in Germania con Romina e voglio dare come sempre il meglio. Con Romina lavoro bene”. Su Sanremo, invece, non si sbottona troppo: “Aspettiamo di vedere cosa decide la commissione. Posso dire che ho presentato un brano bellissimo”. La miglior cura contro la depressione? “Prendere appena posso la zappa e lavorare in campo. Passa qualsiasi depressione. Lo consiglio a tutti, provare per credere. In questo modo zappo via pessimismo e malinconia” ha dichiarato Albano Carrisi al “Corriere della Sera”.