Solare, ironica ed onesta. Si descrive così Roberta Garzia che presto vedremo al cinema con Luca Argentero e Ambra Angiolini nel film “Al posto tuo”, con la regia di Max Croci, da poco apprezzato dietro la macchina da presa per “Poli opposti”, con protagonista la bellissima Sarah Felberbaum.

Romana di origini,  ama molto la sua città, nonostante non sia sempre facile viverci: “Da poco mi sono trasferita a Roma sud, vicino l’Appia Antica. Adoro andarci a correre. Circondata da secoli di storia, Roma ti permette tutto questo ed altro. Certo, ci sono i disagi che conosciamo tutti… Un servizio di trasporto pubblico scadente, strade rovinate (per me che sono una scooterista, un vero pericolo oltre che un disagio), un certo provincialismo… ma difficilmente farei a cambio con un’altra città”.

Roberta attualmente è impegnata a teatro, all’Ambra di Roma, nello spettacolo di Daniele Falleri “Il marito di mio figlio“, un’esilarante commedia che racconta la storia d’amore di due ragazzi dello stesso sesso, intenzionati a sposarsi e il cui sogno sarà destinato a infrangersi contro le reazioni dei genitori: “Lory, così si chiama il personaggio che interpreto, con la Y! Come lei tiene sempre a specificare. Attrice, lavora in una bar per arrotondare, ex-studentessa di psicologia. Ha due miti: Almodovar, con il quale sogna di poter lavorare, e Marilyn, alla quale assomiglia nel modo di parlare e muoversi. Lory è una ragazza pura. Innamorata della vita e dell’amore. Ha lo sguardo del bambino sempre pronto a stupirsi e mai a giudicare. È un personaggio che ho amato fin da subito. La sua freschezza, la sua energia mi hanno immediatamente conquistata e per me  è una gioia interpretarla ogni sera in questo periodo che sono in scena”.

Come è stato recitare con Luca Argentero?

“Piacerebbe anche a me sapere com’è recitare con Argentero!  Perché nel film “Al posto tuo” il mio personaggio interagiva con Stefano Fresi, un bravissimo attore con cui c’è stata subito intesa.”

Ci parli del tuo ruolo nel film?

“Il mio e’ un piccolo ruolo ma di grande impatto direi. Una sorta di psico del sesso, aggressiva e dirompente che credo, non passerà inosservata! Mi sono divertita molto a farla e spero si divertirà anche il pubblico nel vederla.”

Preferisci recitare a teatro o per il cinema?

“Sono due mezzi espressivi differenti, che richiedono un registro differente e ti danno emozioni diverse. Li amo entrambi. E la soddisfazione più grande è poter spaziare dall’uno all’altro. Certo, l’emozione che provi recitando davanti a una platea è immensa, ma anche vedersi sul grande schermo fa battere il cuore all’impazzata, specie se magari sei in platea a vedere il film insieme al resto degli spettatori!”

Progetti per il futuro?

“In attesa che escano tre film ai quali ho partecipato, sto lavorando ad un mio progetto… per il momento però acqua in bocca! E sono in attesa di definire alcuni impegni cinematografici. Non dimentichiamoci poi che con Il marito di mio figlio sarò a Milano a Febbraio.”

Sei fidanzata da tre anni. Ci dici il segreto per essere felici in coppia?

“Sì, sto con Alessandro da tre anni e conviviamo da due. Il segreto per un rapporto duraturo? Uhm… mi piacerebbe saperlo! Anzi, se lo sai, dimmelo! Sicuramente, però, tre sono gli ingredienti fondamentali: rispetto, fiducia e… beh, il terzo l’hai capito, se non c’è’ quell’ intesa lì, non c’è coppia che vada molto lontana!”