Se n’è andato all’età di 76 anni Wes Craven, uno dei maestri del cinema horror, autore di alcuni dei più memorabili film del genere come il primo Nightmare e la saga di Scream. Il grande regista statunitense è morto nella sua casa di Los Angeles, dopo aver perso la sua battaglia contro un tumore al cervello.

Wes Craven ha cominciato a lavorare a inizio anni ’70 nel campo degli spot pubblicitari e nel mondo del cinema porno, all’interno del quale ha prodotto il suo primo lungometraggio, Together, diretto da Sean S. Cunningham nel 1971. L’esordio come regista avviene invece nel 1972 con L’ultima casa a sinistra, un debutto folgorante che lascia subito impresso il suo segno nel genere horror.

Non è che l’inizio di una carriera davvero brillante e segnata da un numero impressionante di pellicole cult, come il suo secondo film, Le colline hanno gli occhi del 1977. Il grande successo e l’affermazione mondiale arrivano quindi per Wes Craven negli anni ’80, con l’epocale Nightmare – Dal profondo della notte del 1984, film che segna l’esordio davanti alla macchina da presa di Johnny Depp, impone l’inquietante figura di Freddy Krueger nell’immaginario collettivo e diventa uno dei film più celebri e imitati nell’intera storia del cinema dell’orrore. Nightmare darà inoltre vita a una lunga serie di sequel, spin-off e remake, di cui uno solo diretto dallo stesso Wes Craven, Nightmare – Nuovo incubo del 1994.

Negli anni ’90, Wes Craven ha diretto poi un’altra pellicola fondamentale, capace di reinventare con ironia il genere horror: Scream – Chi urla muore del 1996. In questo caso il regista ha diretto anche i tre episodi successivi di quella che è diventata una vera e propria saga e quest’anno ha figurato anche tra i produttori esecutivi della serie di Mtv Scream. L’ultimo capitolo della saga, Scream 4, è anche l’ultimo film da lui diretto.

Occasionalmente, Wes Craven ha fatto inoltre qualche sortita all’infuori del cinema di paura, ad esempio con il drammatico La musica del cuore con Meryl Streep e con il thriller Red Eye con Rachel McAdams. Per tutti, il regista resterà però per sempre uno dei più grandi maestri dell’horror e i suoi film continueranno a spaventare il pubblico ancora a lungo.