Amy Sherman Palladino  è un nome che avrete sentito nominare e che avrete letto un centinaio di volte guardando gli opening credits di Una mamma per amica. La creatrice di questa serie cult è tornata sulla ABC con una nuova serie tv dedicata al mondo della danza, ma che sembra uscita direttamente dal mondo fatato di Stars Hollow. Scopriamo insieme il mondo di A passo di danza!

C’era una volta Lorelai Gimore, giovane mamma single in carriera e dalla parlantina vivace capace di pronunciare seicento parole al secondo, di crescere una figlia perfetta, di innamorarsi dell’uomo della tavola calda con camicia da boscaiolo e cappellino d’ordinanza e di litigare con la sua nobile famiglia almeno sei volte a episodio, il tutto contemporaneamente.

Ora Lorelai Gilmore è cresciuta (e lavora in Parenthood), e la piccola Rory sta per approdare su altri lidi (Friends&Family, nuova serie tv 2013 di cui sarà protagonista). Eppure la creatrice di Una mamma per amica (Gilmore Girls in originale), ovvero Amy Sherman Palladino, è sempre lì a tirar fuori dal suo cappello immaginari paesi simil Stars Hollow per ambientarci le sue storie.

L’mmaginario e idilliaco paese di turno si chiama Paradise ed è lo scenario della nuova serie tv A passo di danza, andato in onda sulla ABC e che vedremo stasera in tv,  programmato su MYA di Mediaset Premium ale 21.15.

Se Lorelai e Rory hanno lasciato il mondo ovattato di Una mamma per amica alle spalle, lo stesso non si può dire di Emily Gilmore (Kelly Bishop) che torna in questo telefilm nei panni della suocera della protagonista, e, indovinate un po’? è una cattiva e bisbetica ex insegnante di danza classica. Oltre a lei rivedremo Paris e Kirk, storici personaggi di Gilmore Girls, in ruoli ricorrenti e che sanno di già visto (sì, sempre a Stars Hollow).

La protagonista si chiama Michelle, una ballerina di talento relegata a ruoli di scarso pregio a Las Vegas. Più per disperazione che per amore sposa Hubbel, che la trascina con sè a Paradise, lontano dal glamour della città. E proprio nella scuola di sua suocera Michelle insegnerà a danzare a quattro allieve molto diverse tra loro, passando anche a loro il messaggio che la danza è crescita personale e non necessariamente competizione.

Non manca proprio nulla per essere un successo, così com’era stato per Una mamma per amica (e addirittura la colonna sonora è dello stesso autore). O forse manca proprio un elemento: Gilmore Girls era un bel’esperimento, il primo e unico nel suo genere, per ritmo, ambientazione, scenografia. I personaggi si muovevano leggeri e vivevano le loro vite lontani da quella stretta attualità che invece caratterizza altre serie tv e ci piaceva così, proprio perché non avevamo visto niente di simile prima.

Possiamo sopportare una copia di Una mamma per amica, seppure a passo di danza? Stiamo a vedere: l’appuntamento è stasera su Mya (e non affezionatevi: A passo di danza non è stata ancora rinnovata per una seconda stagione, non si sa mai).